Alcune considerazioni sulla manovra fiscale 2011


Analizziamo le novità che riguardano l’area dei risparmi della recente manovra fiscale.

 

Novità immediata

Appena entrerà in vigore avremo un aumento dell’imposta di bollo sui dossier titoli.

L’imposta passerà dagli attuali € 34,20 a €120; nel 2013 ci sarà un ulteriore aumento a € 150 per i dossier titoli con depositi inferiori a € 50.000,00 , per depositi superiori arriverà a € 380.

Questo aumento andrà ad incidere notevolmente sui rendimenti soprattutto dei depositi di bassa consistenza.

Facciamo un esempio.

Un risparmiatore che acquisti un BOT annuale attualmente si attende un rendimento, tolte le tasse e le commissioni bancarie, di circa 1,5% netto; su € 10.000 i guadagni di circa € 150 sono praticamente azzerati con il pagamento dell’imposta di bollo.

Ne consegue che per un piccolo risparmiatore non sia conveniente utilizzare un dossier titoli e quindi, per chi vuole avere un profilo di rischio basso, le alternative saranno i conti deposito bancari, il risparmio postale e i fondi comuni monetari, che non pagano l’imposta di bollo.

Se nel dossier titoli ci sono azioni l’alternativa con profilo di rischio alto sono i fondi comuni azionari.

 

Novità future

Attualmente le rendite finanziarie hanno due aliquote di tassazione:

12,50% per i titoli (titoli di Stato, pronti contro termine, obbligazioni, azioni, fondi, etc…)

27,00% per i depositi bancari e postali

In futuro queste due aliquote verranno unificate in una sola al 20%, lasciando inalterata l’aliquota al 12,50% solo per i titoli di Stato italiani. Tuttavia non si ha data certa di questa riforma.

Verrà inoltre introdotta un’aliquota più favorevole per i tipi di risparmio a lungo termine, ma il “quanto” da definire sull’aliquota e sul lungo termine è tutto da vedere.

Vi rammento che esiste già un’aliquota più favorevole per i fondi pensione pari all’11%.

2 pensieri riguardo “Alcune considerazioni sulla manovra fiscale 2011

    1. Sui pronti contro termine esiste un’imposta di bollo di € 1,81 per operazione.
      Non necessitano di un dossier titoli, ma alcune banche potrebbero inserirveli.
      La nostra attuale operatività ci permette di effettuare i PCT tramite il conto deposito di CheBanca! senza alcun costo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...